progettareperlepersone - tecniche e strumenti dello user-centred design
Immagine  
"
lo user-centred design non persegue soluzioni totalizzanti e definitive, bensì un continuo miglioramento che si basa sui dati forniti dall’osservazione
"
 
\\ Home Page : Storico : Segnalazioni (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di stefano (del 22/03/2011 @ 10:33:13, in Segnalazioni, linkato 3019 volte)

Vi segnalo un eccellente post di Leisa Reichelt sui personaggi, "Personas are for hippies… and transformation and focus". Leisa, in poche righe, evidenzia l'importanza dell'utilizzo dei personaggi all'interno di grandi organizzazioni che, molto spesso, fanno fatica a mettere a fuoco le esigenze e le necessità dei loro clienti. Inoltre, e questa è senza dubbio una delle ragioni che più condivido, i personaggi permettono anche di "reduce usage of the term ‘user’ (so abstract, inhuman and elastic) and replace it with our personas names".

Certo, continua Leisa, i personaggi devono essere ben sviluppati e ben utilizzati, altrimenti è meglio non sprecare energie con loro. Ma come si può capire se i personaggi rispondono a queste caratteristiche? Con un test, ovviamente.

Eccolo qui:
- do you have personas for your project/product?
- are they made of data from real (potential) customers?
- do they have real names not segment names?
- do you have fewer than five personas?
- can you remember all the names of your personas and describe them?
- do you use them to guide, evaluate and/or explain design decisions?
- can your boss name your personas?
- can the developers on your team name your personas?

La maggioranza delle risposte deve essere si. Provate e fatemi sapere.

P.S.
Ho partecipato ieri a Torino alla conferenza user experience 2.0 e, tra le tante presentazioni, tre hanno suscitato il mio interesse e confermano quanto scritto dalla Reichelt. Sono due casi di studio e un intervento sullo sviluppo dei personaggi, presentati da grandi organizzazioni che ne hanno recepito l'importanza e le potenzialità.

I casi di studio sono stati presentati da Whirlpool e Tetrapack. Nei loro progetti i personaggi sono stati sviluppati al termine di una vasta fase di ricerche sul campo e utilizzati nella fasi di progettazione.

Lo sviluppo dei personaggi è stato trattato nella presentazione di Elena Guercio (strategy/innovation - progetti di ricerca di telecom italia). La peculiarità risiede nel fatto cha hanno creato dei layer di base dai quali partire per sviluppare poi personaggi specifici. Un approccio decisamente interessante per accorciare i tempi di sviluppo e risparmiare risorse.

 
Di stefano (del 21/01/2011 @ 16:01:57, in Segnalazioni, linkato 2421 volte)

Vi segnaliamo un'interessante articolo, Avoiding Half-baked Personas, nel quale Todd Wilkens (Adaptive Path) spiega cosa sono e le differenze tra Ad-Hoc Personas e Proto-personas.

Le Ad-hoc Personas sono i personaggi sviluppati velocemente, per mancanza di tempo e risorse, attingendo ai soli dati disponibili all'interno di un'organizzazione, senza effettuare attività di ricerca. Jared Spool le definisce user descriptions, perché per lui non possono essere definiti personaggi.

Le Proto-personas sono, invece, il primo passo concreto nello sviluppo dei personaggi e sono basate sulle prime intuizioni che si hanno durante la fase di ricerca.

In entrambi i casi si tratta di personaggi allo stato iniziale, che si devono usare con cautela e solo per alcune situazioni specifiche, come la preparazione al recruiting - nel caso delle Ad-hoc Personas - e per iniziare a far emergere pattern condivisi - nel caso delle Proto-personas.

Da leggere anche i commenti, trai quali è molto condivisibile quello di Indi Young.

 
Di stefano (del 18/10/2010 @ 16:11:46, in Segnalazioni, linkato 1646 volte)
Vi segnaliamo un podcast con un'intervista a Kim Goodwin, autrice di Designing for the Digital Age. Nell'intervista, condotta da Jared Spool, la Goodwin sottolinea come gli scenari, abbinati ai personaggi, siano uno dei più potenti e versatili strumenti di progettazione. Inoltre, spiega anche la differenza tra scenari, user cases e user stories. Il podcast è disponibile a questo link:
http://www.uie.com/brainsparks/2010/10/15/spoolcast-designing-with-scenarios-featuring-kim-goodwin/
 
Di stefano (del 18/08/2010 @ 10:18:41, in Segnalazioni, linkato 1995 volte)
Vi segnaliamo un articolo, Persona driven user stories for Agile UX, nel quale Leisa Reichelt descrive la sua esperienza con personaggi e user stories.

La Reichelt afferma che scrivendo user stories con protagonisti i personaggi si ottengono due importanti benefici. Il primo, è che i personaggi diventano parte attiva del progetto e che non vengono messi da parte e dimenticati. Il secondo, è che con i personaggi è più semplice scrivere user stories mirate e soprattutto veramente utili al progetto. Anche i commenti sono da leggere, perché contengono alcuni spunti interessanti.

Alla fine di questa segnalazione, mi piace ricordare che quasi due anni fa, nel nostro post Sviluppo Agile e User-Centered Design felicemente sposi?, avevamo scritto più o meno le stesse cose e queste considerazioni della Reichelt  confermano la bontà del nostro approccio allo Agile UX.
 
Di stefano (del 09/07/2010 @ 11:03:01, in Segnalazioni, linkato 1748 volte)

Vi segnaliamo un articolo, Personas as User Assistance and Navigation Aids, nel quale Mike Hughes illustra un atipico utilizzo dei personaggi.

Hughes, dopo aver contribuito a svilupparli e averli passati al team di sviluppo, ha scoperto alla fine del progetto che erano stati anche utilizzati all'interno del sito web come supporto e guida alla navigazione. In pratica il visitatore può scegliere il personaggio con cui si identifica di più e attraverso gli scenari d'uso abbinati raggiungere i contenuti che possono essere di suo interesse. Davvero un utilizzo molto intelligente. L'articolo è stato pubblicato su UX Matters.

 
Di stefano (del 20/02/2010 @ 17:41:21, in Segnalazioni, linkato 1726 volte)
Vi segnaliamo un articolo, The Essence of a Successful Persona Project, nel quale Jared M. Spool descrive un approccio molto pragmatico allo sviluppo dei personaggi, che consiste nell'utilizzare le informazioni che si hanno a diposizione (fornite dal commitente o dalle ricerche di pubblico dominio) per una loro prima definizione. Dopo questo primo passo, potrà essere più facile dimostrare l'utilità di questo strumento e far accettare le attività di ricerca necessarie per conoscere meglio le necessità delle persone alle quali il progetto è destinato.

Jared M. Spool, inoltre, evidenzia che non sempre le organizzazioni sono mature per l'adozione di strumenti atti a migliorare la user experience. In questo caso è meglio desistere e aspettare che falliscano i loro obiettivi. A quel punto, sarà lo stesso management a fornire il supporto necessario per adottarli. 
 
Di stefano (del 08/10/2009 @ 14:21:45, in Segnalazioni, linkato 2054 volte)

Vi segnaliamo un interessante articolo, Experience Themes, nel quale Cindy Chastain introduce un metodo, mutuato dalla sua attività di sceneggiatrice, per sintetizzare in una frase l'esperienza che dovrà veicolare un sito web. A suo parere, definire un tema per il sito web, aiuta a ottenere risultati migliori, in quanto le scelte progettuali possono essere fatte in base alla loro aderenza al tema scelto. Molto efficaci gli esempi, tratti da progetti realmente sviluppati.

Questo articolo, con un argomento simile a quello che abbiamo trattato nel post Personaggi e storytelling, evidenzia che una delle necessità più sentite dalla comunità dei professionisti della UX, sia quella di avere degli strumenti efficaci per comunicare sinteticamente l'idea portante di un progetto e di farne la stella polare del suo sviluppo.

L'articolo di Cindy Chastan è stato pubblicato su Boxes and Arrows.

 
Di stefano (del 10/07/2009 @ 12:13:44, in Segnalazioni, linkato 2022 volte)

Vi segnaliamo due interessanti articoli pubblicati su UX Matters. Nel primo, Laddering: A Research Interview Technique for Uncovering Core Values, Michael Hawley illustra una tecnica di intervista, mutuata dalla psicologia clinica, che permette di individuare le motivazioni profonde che portano una persona ad utilizzare un determinato servizio o prodotto. Nel secondo, Finding Gold in Your User Research ResultsDaniel Szuc spiega come ottenere dati significativi dalle attività di ricerca, partendo da una approfondita conoscenza dell'universo aziendale e dei servizi/prodotti.

 
Di stefano (del 05/05/2009 @ 07:49:08, in Segnalazioni, linkato 1824 volte)

Vi segnaliamo due interessanti articoli sui metodi di ricerca e su come analizzare i risultati delle ricerche stesse.  Nel primo, User research for personas and other audience models, Steve Baty illustra le tecniche di ricerca finalizzate allo sviluppo dei personaggi. Nel secondo, Analysis, plus synthesis: turning data into insight, Lindasy Ellerby descrive il suo approccio all'analisi dei dati e, in particolare, spiega come far emergere percorsi significativi dal mare dei dati qualitativi raccolti.

Entrambi gli articoli sono stati pubblicati su UX Matters.

 
Di stefano (del 28/11/2008 @ 09:19:40, in Segnalazioni, linkato 2959 volte)

Vi segnalo due eccellenti cronache dalla User Experience Week 2008 promossa dal Nielsen Norman Group ad Amsterdam. L'autore, Marco Catani, sintetizza molto efficacemente i contenuti dei due corsi, Fundamental Guidelines for Web Usability e Communicating Design: Improving User Experience Deliverables, a cui ha partecipato. Del primo, sono particolarmente interessanti i risultati sulle abitudini dei navigatori. Del secondo, la parte dedicata ai wireframe è veramente ben riportata e potrà risultare utile ai molti che utilizzano questa strumento.

Link: http://www.10people.net/blog/

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6

< ottobre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         


Titolo
Analisi (12)
Approfondimenti (5)
Bibliografia (1)
Corso UCD (8)
Eventi (3)
Idee (2)
Interviste (1)
Presentazione (1)
Recensioni (3)
Risorse (14)
Segnalazioni (52)

Catalogati per mese:
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017

Ultimi commenti:
Anche io ho sempre c...
11/05/2011 @ 11:55:59
Di Stefano Dominici
Mi trovo in sintonia...
10/05/2011 @ 15:04:56
Di Andrea Picchi
Io uso sempre InPriv...
09/05/2011 @ 17:30:40
Di Stefano Dominici


Titolo


24/10/2017 @ 07:57:08
script eseguito in 62 ms